Il baratto amministrativo ed il Volontariato Comunale

Durante la seduta del Consiglio Comunale del 19 ottobre 2018 sono stati approvati alcuni importanti provvedimenti, tra questi il Regolamento comunale sul Baratto amministrativo e Istituti di Cittadinanza attiva.

Questo documento regola la partecipazione in forma volontaria dei cittadini, gruppi spontanei, associazioni, imprese, nella realizzazione di servizi e interventi finalizzati a valorizzare e tutelare i beni comuni.

Tra le varie forme di collaborazione ci sono:
– il Baratto amministrativo, attraverso il quale, il cittadino, a fronte di una riduzione o esenzione del pagamento di alcuni tributi, offre un sevizio alla comunità.

– Il Partenariato sociale e volontariato comunale, con il quale si può prestare un servizio o fornire un intervento finalizzato alla realizzazione di un bene collettivo.

Con questi provvedimenti, il Comune di Leverano riconosce la funzione fondamentale del volontariato quale forma di solidarietà sociale, di incontro e scambio generoso tra cittadini e comunità intera.

L’intervento volontario potrà essere offerto in diversi ambiti: la tutela ambientale, la collaborazione nella gestione di alcuni servizi, (biblioteca, archivio storico, assistenza, ecc); la formazione e la promozione della cultura, la manutenzione degli spazi e strutture pubbliche.

Presso gli uffici comunali sarà istituito a breve l’Albo comunale dei volontari.

Questo provvedimento rappresenta un altro importante tassello per costruire una Comunità sempre più luogo inclusivo e solidale.

Potenziamento dell’Info Point

Il Comune di Leverano è stato ammesso al finanziamento della Regione Puglia per il potenziamento dell’Info Point comunale che dal mese di Agosto scorso aderisce alla rete regionale di Puglia Promozione.

La proposta progettuale di Leverano si è classificata in cima alla graduatoria dei progetti finanziati, al 26° posto su 77 progetti.

La somma oggetto di finanziamento è di € 10.000,00 e servirà per finanziare attività di promozione e di sviluppo culturale e turistico nel periodo compreso tra l’8.10.2017 e il 21.1.2018.

L’Amministrazione considera il Turismo una materia strategica nella propria attività e parte da questo progetto per un piano di sviluppo organico del settore.

Più spazio alla cultura

Intendiamo sostenere le realtà culturali operanti nel nostro territorio, ridando loro adeguati spazi e promuovendo iniziative create dal basso. Un impegno continuo riguarderà la promozione della lettura, quale opportunità di conoscenza e di libertà di pensiero. Attraverso questo percorso si sosterrà l’educazione alla legalità, il rispetto per l’ambiente, la tolleranza, l’integrazione. Scelta Popolare intende realizzare tali progetti condividendone il percorso con le Istituzioni scolastiche, la Biblioteca Comunale, le associazioni culturali. Inoltre si propone l’apertura al pubblico di chiese e monumenti pubblici da giugno a settembre con orari predefiniti e visite guidate.

La qualità della vita

Scelta Popolare pone al centro del programma amministrativo il miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Per realizzare questo è necessario dotare il nostro territorio di strumenti e regole capaci di regolarne lo sviluppo secondo i principi della sostenibilità, della tutela e valorizzazione. Questo obiettivo lo si può raggiungere con idee concrete che puntino alla rivitalizzazione degli spazi urbani, alla cura delle aree di degrado ed a costruire nuovi luoghi per le relazioni sociali. Siamo consapevoli del fatto che l’attuale Piano Regolatore Generale Comunale abbia esaurito il suo compito di gestione della trasformazione del territorio e che sia necessario dotarsi di un nuovo strumento che includa principi e obiettivi quali la
partecipazione dei cittadini alle decisioni, la tutela e valorizzazione dei luoghi, la gestione del rischio idrogeologico, la rigenerazione sociale, culturale e
strutturale di tante aree del nostro paese.
Il valore dello sport, ad ogni età della vita, è insostituibile, ma è necessario che tutti, indipendentemente dal reddito familiare, possano avvicinarsi alle attività sportive, per questo Scelta Popolare intende utilizzare tutti gli impianti esistenti, compresi quelli scolastici, per avviare dei corsi gratuiti in discipline diversificate, ma caratterizzate da comuni valori, quali lo spirito di gruppo, la cooperazione ed il rispetto reciproco, l’inclusione sociale e la valorizzazione delle differenze. Al contempo, risulta evidente che le attuali strutture sportive si mostrano insufficienti per soddisfare tutte le richieste dei cittadini. Ci impegniamo pertanto a reperire le risorse necessarie per realizzare un moderno impianto sportivo polivalente in grado di ospitare gli appassionati delle varie discipline. Ci sembra necessario, inoltre, regolamentare l’utilizzo delle strutture già esistenti, come il Palazzetto dello Sport, nel quale si potrebbero alternare le attività delle varie associazioni sportive locali.

La qualità urbana

Nei quartieri densamente popolati, come Pozzo Lungo e Chianca, gli spazi pubblici per la socialità sono scarsi. Scelta Popolare intende ripristinare la vita di relazione che un tempo caratterizzava questi quartieri, attraverso un percorso decisionale condiviso con i cittadini che vivono queste parti del paese. Si potranno così progettare e realizzare spazi urbani protetti, attrezzati con elementi d’arredo e accessibili a tutti, dove sia possibile ritornare ad incontrarsi ed intessere relazioni sociali.
La legislazione nazionale prevede inoltre la realizzazione, da parte dei Comuni, dei Piani per l’Eliminazionedelle Barriere, finalizzati alla tutela ed alla piena accessibilità degli spazi urbani da parte dei soggetti con necessità specifiche, dei bambini e degli anziani, ma questa legge è spesso disattesa o mal applicata. Scelta Popolare propone la creazione di Zone Sicure e Accessibili, ad esempio in corrispondenza di alcuni edifici scolastici ed interventi per migliorare la qualità urbana quali l’eliminazione delle insegne pubblicitarie abusive creando nuovi spazi regolamentati per l’affissione.

Le aree per gli insediamenti produttivi

Una riorganizzazione del nostro territorio dovrà tener conto della collocazione degli impianti produttivi. Non è più sostenibile che queste strutture debbano collocarsi in maniera disordinata producendo consumo di suolo in zone agricole. Sarà pertanto necessario individuare nuove aree per gli insediamenti artigianali e industriali secondo un criterio di ottimizzazione degli spazi urbani, di fruibilità delle strutture e di tutela del territorio agricolo. Inoltre sarà necessario intervenire nelle zone che attualmente ospitano insediamenti commerciali e produttivi per completare e migliorare le infrastrutture primarie e i servizi.

Il convento S. Maria delle grazie

I necessari lavori di restauro del convento hanno costretto i frati minori ad allontanarsi per anni dall’antica struttura. Durante questo periodo, i gruppi laici francescani e la confraternita hanno svolto le loro attività in altre strutture. L’Amministrazione uscente, nel definire il progetto di gestione da parte di associazioni, ha sancito l’impossibilità di far risiedere i frati minori nella struttura conventuale. Questo determinerebbe una perdita di un grande capitale umano, storico e culturale. Scelta Popolare intende garantire, attraverso opportuni accordi, la residenza dei frati nel convento, che potranno comunque offrire servizio di ospitalità concordata con l’Amministrazione. Gli spazi al piano terra, il chiostro, il salone, potranno essere utilizzati per manifestazioni ed eventi culturali
promossi dall’Amministrazione Comunale.

La mensa a km 0

Sarà un nostro impegno la promozione di un’alimentazione sana per i bambini favorendo il contatto tra le imprese locali e l’azienda titolare del servizio mensa, inserendo nei menù scolastici prodotti “a km 0”, garantiti e certificati

Identità e memoria. L’Ecomuseo

La conoscenza del territorio e della sua storia è uno dei fattori fondanti per la coesione di una comunità, per tale ragione Scelta Popolare propone la creazione di un Ecomuseo. Questo interviene nel territorio di una comunità, proponendo “come oggetti del museo” non solo gli oggetti della vita quotidiana ma anche i paesaggi, l’architettura, il saper fare, le testimonianze orali della tradizione. La “miniera” della nostra identità culturale che ha radici profonde nel Mediterraneo, frutto dello scambio e dell’incontro tra culture diverse. Materiale fotografico e video, documenti storici legati al lavoro e alla nostra emigrazione, ai personaggi che hanno caratterizzato la nostra storia politica, culturale, religiosa, artistica e sociale, proposti ai cittadini con linguaggi tradizionali, ma anche tecnologici.
La rappresentazione di ciò che è un territorio ed i suoi abitanti, a partire dalla cultura viva delle persone e del loro ambiente. L’Ecomuseo si propone come uno strumento di riappropriazione del proprio patrimonio culturale da parte della collettività, un patto con il quale la comunità si prende cura del suo territorio e della sua storia. Un luogo dove esporre al pubblico la cultura ma che al contempo si apra sull’intero territorio, per valorizzarlo e riscoprirlo, attivando un turismo verde, culturale, religioso, enogastronomico. In quest’ottica si propone il recupero del casello ferroviario di Leverano collegandolo attraverso un percorso ciclabile con il paese. Scelta Popolare propone, inoltre, di istituire un riconoscimento da assegnare ai nostri concittadini che sono custodi di mestieri quasi del tutto scomparsi, di conoscenze antiche nel campo dell’agricoltura e dell’artigianato tradizionale. Figure, queste, che rappresentano il nostro “tesoro vivente” che auspichiamo possa generare “nuovitesori viventi” tramandando i saperi.

Percorsi per la mobilità dolce

Negli ultimi anni si è assistito ad un incremento della frequentazione di alcune strade secondarie, utilizzate dai cittadini come percorsi pedonali e ciclistici, ma che al momento versano nel più totale abbandono. Noi intendiamo sostenere queste attività sportive e ricreative realizzando su questi percorsi dei veri e propri parchi lineari, segnalandoli per garantirne la sicurezza e attrezzandoli con piccole aree di sosta. Questo al fine di strutturare una rete per la mobilità dolce all’interno del territorio leveranese, che confluisca su progetti regionali come la Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese.

Rigenerazione di aree verdi naturali

Un’importante occasione per migliorare la qualità urbana è rappresentata dall’area comunale di Padula Cupa. Questo enorme spazio che si estende per oltre 80.000 metri quadrati all’interno del nostro paese, potrà ospitare percorsi organizzati e protetti, spazi verdi naturali progettati e realizzati nel pieno rispetto delle caratteristiche dell’area, zone fruibili anche dai nostri amici animali. il nostro comune dispone, inoltre, su tutto il territorio urbano, di numerose piccole aree che non sono state mai valorizzate. Un serio progetto di riuso di queste aree, da attuare con la partecipazione diretta dei cittadini, può generare così preziosi luoghi d’incontro e socialità.

Il centro storico

Questo luogo ha vissuto una fase, durante la quale, sono stati realizzati importanti interventi che hanno contribuito a renderlo uno spazio di notevole pregio. La pedonalizzazione di piazza Roma e largo Fontana, il recupero funzionale della Torre Federiciana, di Palazzo Gorgoni, con il centro polifunzionale al piano terra e la Biblioteca comunale al primo piano, hanno restituito alla cittadinanza alcuni spazi dalle straordinarie potenzialità. Nonostante questo, negli ultimi cinque anni, tale patrimonio ha subito un sostanziale abbandono. Pertanto, si rende ora necessario un intervento a tutela dei residenti che garantisca una maggiore attenzione alla pulizia degli spazi pubblici, la cura costante degli elementi di arredo urbano ed una maggiore sicurezza attraverso un controllo degli accessi notturni. Benché Leverano disponga di un Piano dei Colori e Materiali, nato per conservare, migliorare e valorizzare progressivamente l’immagine del nostro centro storico, negli ultimi anni nulla è stato fatto perché questo fosse applicato. Scelta Popolare propone di rilanciare il Piano, facendone un cardine della rinascita del Centro Storico, puntando alla sua conoscenza e applicazione capillare attraverso incontri con la popolazione residente e con le imprese edilizie ed impiantistiche che operano in tale contesto. Questo potrebbe favorire il ripristino delle facciate sostituendo le piastrelle con l’intonaco e la pitturazione a base di calce.

La rete delle infrastrutture

Nonostante gran parte del territorio sia servito dalla rete di fognatura nera esistono ancora zone urbanizzate all’interno del territorio comunale sprovviste di tale servizio. Riteniamo pertanto prioritario completare tale infrastruttura e ripristinare i tratti mal funzionanti. Nel contempo i cittadini già serviti dalla rete fognaria devono comprendere l’importanza di un adeguato e corretto allacciamento, l’amministrazione, da parte sua, si impegna a vigilare sull’adempimento. Per noi qualità urbana vuol dire, soprattutto, dotare le zone residenziali, dove i cittadini hanno già pagato gli oneri di urbanizzazione, dei servizi primari, come la rete idrica e fognaria ed il sistema di pubblica illuminazione, la dotazione di tutti i numeri civici.

Un pronto intervento per la manutenzione

La cura ordinaria delle strade, la manutenzione quotidiana degli spazi e delle strutture comunali, la sorveglianza sulle modalità di esecuzione dei lavori pubblici, costituisce un impegno verso la comunità, che va perseguito ogni giorno, e non solo in prossimità delle elezioni. Noi intendiamo realizzare una squadra di “Pronto intervento” della manutenzione, che si possa attivare attraverso le segnalazioni dei cittadini, in maniera efficace e tempestiva. Intendiamo sostenere l’affidamento di alcuni servizi di manutenzione e cura degli spazi pubblici a cooperative ed associazioni del territorio con la finalità di aggiungere valore sociale agli interventi pubblici.

Le risorse necessarie

Le pubbliche amministrazioni non possono realizzare gli interventi strutturali necessari senza avere a disposizione adeguate risorse. Pertanto intendiamo dotarci di professionalità con lo specifico compito di intercettare risorse economiche provenienti
da fondi regionali, nazionali ed europei.

Tutelare il prodotto locale

Il programma di Scelta Popolare intende sostenere e promuovere la creazione di Marchi D’Area con la funzione di garantire l’origine del prodotto e la sua tipicità locale attraverso la collaborazione con le istituzioni scientifiche e i centri di ricerca. In linea con questa stessa idea e con estremo entusiasmo, vorrei condividere un progetto utile per il nostro paese che consiste nella tutela di un gioiello della nostra produzione agricola: la meloncella (spureddhra) . Già da diversi anni mi sto occupando della selezione delle diverse varietà (bianca-nera-fasciata) al fine di tutelare e conservare la tipicità del prodotto moltiplicando e diffondendo le piantine tra gli agricoltori ed ho avviato una collaborazione con l’Università del Salento, l’Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari del CNR di Lecce, e l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” aderendo e partecipando al progetto BioDiverso.Il giorno 24 Maggio dalle ore 14 alle ore 17 i vivai Coviser in collaborazione con L’Orto Botanico dell’Università del Salento organizzeranno una passeggiata didattica per la scoperta della biodiversità della meloncella locale con degustazione del prodotto fresco presso le serre di produzione  site in Leverano, Località Pampi.

Non mancate!

Rocchino Gatto

Candidato Consigliere per Scelta Popolare

 

Dalla periferia al centro storico

Scelta Popolare propone la realizzazione di una serie di interventi finalizzati a ricucire le aree periferiche del paese con le parti centrali attraverso un’organizzazione diversa della mobilità e la costruzione di percorsi pedonali protetti e ciclabili.

15 minuti di sosta gratuita

Alcune esperienze amministrative hanno già sperimentato la formula che permette ai cittadini il parcheggio gratuito, per i primi 15 minuti, nelle aree di sosta a pagamento. Scelta Popolare intende adottare tale sistema a sostegno dei cittadini e delle attività varie.

Mobilità sostenibile

Intendiamo intraprendere iniziative di promozione della “mobilità sostenibile”, attivando sistemi di premiazione per chiunque scelga di muoversi senz’auto. Di promuovere, inoltre, iniziative quali la mobilità protetta dei bambini e dei ragazzi nei tragitti casa-scuola, la sperimentazione della chiusura domenicale alle auto, del “giro del muro”, con la collocazione di un mercatino domenicale in piazza Roma.

Il Centro studi Geremia Re

Il Centro Studi Geremia Re è una istituzione comunale che negli anni scorsi ha ideato e sostenutoprogetti culturali finalizzati alla conoscenza della figura dell’artista leveranese. Scelta Popolare propone di realizzare, attraverso questa istituzione, progetti culturali legati alla conoscenza e valorizzazione della storia di personaggi locali e di far conoscere ai più giovani le vicende relative all’ occupazione delle terre d’Arneo e dei personaggi
locali che ne presero parte.

Il patrimonio naturalistico

La gestione delle aree naturali richiede una migliore cooperazione con il volontariato e l’associazionismo, per questo occorre rilanciare il ruolo della Consulta Comunale Speciale per l’Ambiente e creare nuove forme di coinvolgimento dei cittadini,
come l’istituzione delle Guardie Ecologiche Volontarie, con funzione di sorveglianza del territorio. Proponiamo, inoltre, di realizzare un censimento delle aree ad alto valore naturalistico ed un monitoraggio annuale delle aree percorse dal fuoco.

Partecipazione e coinvolgimento

Un’amministrazione può scegliere di amministrare in modo chiuso, verticistico, o di aprirsi alla collaborazione con i cittadini, sia singoli che riuniti in gruppi spontanei, associazioni e comitati. Scelta Popolare propone di amministrare il Paese in modo partecipato. Saranno attivati strumenti di “democrazia diretta” attraverso i quali i cittadini potranno contribuire alla gestione del bilancio comunale in un quadro
di assoluta trasparenza sull’utilizzo delle risorse rivenienti dall’addizionale Irpef e dai verbali della Polizia Municipale. Proponiamo inoltre un modello di gestione condivisa dei beni comuni, nell’interesse delle generazioni future, attraverso la sottoscrizione di un “patto” tra i gruppi di cittadini o le associazioni, cui il bene comune viene affidato nell’interesse dell’intera comunità.

Leverano nel mondo

Proponiamo la realizzazione di un portale finalizzato a tener vivo il collegamento tra il nostro paese e tutti i giovani studenti universitari fuori sede, i lavoratori, coloro i quali hanno scelto di vivere in luoghi diversi. Vogliamo creare una via preferenziale per comunicare ed informare, per tenere insieme e condividere le esperienze di un’umanità che sente ancora forte il senso di appartenenza.

Nuove ed antiche abilità

Si propone l’attivazione di un Laboratorio Aperto, adeguatamente attrezzato, in cui i giovani, con la collaborazione di volontari ed associazioni, possano condividere una pluralità di esperienze di carattere artistico e artigianale e possano vivere momenti di aggregazione alternativa. Un laboratorio per far conoscere e tutelare antichi mestieri dell’ambito artigianale e agricolo. Uno Spazio coworking per la condivisione di ambienti
di lavoro.

Fare comunità

Proponiamo di avviare iniziative di raccolta e redistribuzione dei giocattoli, mercatini dell’usato e dello scambio, la Banca del tempo e la possibilità, nei casi previsti dalla legge, di corrispondere ai tributi comunali attraverso il proprio lavoro. Ad ogni famiglia, inoltre, indipendentemente dal reddito, deve essere data la possibilità di festeggiare i momenti importanti. Scelta Popolare propone di utilizzare a questo scopo uno dei locali di proprietà comunale adeguatamente organizzato e attrezzato. Si propone l’attuazione di politiche di integrazione per gli stranieri presenti nella nostra comunità attraverso la diffusione gratuita di corsi sulla conoscenza della lingua italiana. Partendo dal concetto che la conoscenza accorcia le distanze e la diffidenza, promuovere momenti di incontro con le differenti culture che vedano nella condivisione del cibo, della musica, della danza, dell’arte, l’occasione per costruire un’integrazione fondata sul
rispetto.

I nuovi disagi

I nostri ragazzi sono chiamati a sviluppare le capacità per farsi strada e per crescere in modo sereno ed armonico. Per questo scopo è importante l’educazione, laddove educare significa offrire possibilità per apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità, talenti e aspirazioni. Riteniamo che accanto alla scuola ed alla famiglia, un ruolo altrettanto importante sia assolto dal contesto politico e culturale offerto dal territorio. In questa ottica, Scelta Popolare promuoverà con tutti gli strumenti possibili la partecipazione dei bambini e dei ragazzi ad attività educative e culturali come sport, lettura, uso consapevole di internet, teatro, concerti, musei, mostre. Inoltre, sosterrà attività di formazione continua, rivolte ai genitori, agli insegnanti e agli educatori per informare, formare, orientare e sensibilizzare sulle varie tematiche sociali emergenti.

L’impegno per il lavoro

Scelta Popolare si impegna a sostenere la realizzare del laboratorio “Ritorno al Futuro” sul lavoro e sull’innovazione tecnologica e professionale. Un progetto che pone l’attenzione sulle problematiche del lavoro e della formazione e sulle opportunità di incentivazione della nascita di cooperative sociali finalizzate ad una collaborazione con l’amministrazione pubblica.

Le buone pratiche agricole

Lo sviluppo delle pratiche intensive, se da un lato ha garantito una riconversione produttiva del settore, dall’altro ha determinato un notevole costo ambientale, con conseguenti ricadute negative sulla salute pubblica. Riteniamo necessario sostenere ed incentivare interventi di informazione e sensibilizzazione sulle buone pratiche agricole, capaci di ridurne l’impatto sull’ambiente e sulla salute dei cittadini. Molte colture e l’intera filiera olearia sono oggi a rischio, per cui intendiamo diffondere in maniera semplice e capillare le buone prassi agricole per arginare il più possibile l’azione di agenti patogeni deleteri per le colture. Si propone di favorire la nascita di gruppi organizzati di agricoltori che aderiscano volontariamente alle buone prassi attraverso la costituzione di Parchi Agricoli. Tra gli interventi concreti che intendiamo attuare nei primi mesi di amministrazione ci sarà la velocizzazione delle pratiche per il rinnovo dei libretti U.M.A. (Utenti Motori Agricoli), il cui ritardo spesso risulta dannoso per molti agricoltori

Il rispetto per gli animali

La cura ed il rispetto di tutti gli animali sarà uno dei tratti distintivi della nostra amministrazione. Proponiamo la realizzazione di un luogo per la custodia e la cura dei cani randagi darealizzare in collaborazione con associazioni di volontariato e soggetti privati sensibili al tema. Di redigere, inoltre, un vademecum per i possessori di animali domestici e di fornire attrezzi e buste igieniche.

Riduci, riusa, ricicla

Tra le buone pratiche da adottare per perseguire la sostenibilità ambientale, per ridurre la quantità di rifiuti prodotti dalla comunità, per riusare i beni allungandone quanto più possibile il ciclo di vita, proponiamo l’allestimento di un centro comunale (o di ambito) per il riutilizzo e lo scambio di beni e oggetti usati; di intraprendere iniziative antispreco alimentare; di valutare la possibilità di introdurre un sistema di raccolta differenziata che permetta una tariffazione puntuale, ovvero unsistema di premialità che faccia guadagnare o risparmiare il cittadino virtuoso.

Rifiuti ingombranti e pericolosi

Negli ultimi anni c’è stato un aumento vertiginoso delle discariche di rifiuti ingombranti ed eternit nelle campagne. Questo fenomeno deve essere attentamente monitorato e risolto, anche grazie alle segnalazioni dei cittadini. Fare oggi una segnalazione è un processo assai lungo e burocratico. Noi proponiamo l’immediata adozione di un’applicazione, già in uso in altri comuni, che permetta ai cittadini di effettuare segnalazioni in tempo reale attraverso il proprio smartphone. Inoltre la nostra proposta prevede la stipula di una convenzione tra il Comune e una ditta specializzata per lo smaltimento dell’eternit a prezzi convenzionati ed agevolati. L’esistenza di un contributo comunale per lo smaltimento dell’eternit, nei 5 anni scorsi, è stato poco utilizzato, per via delle lungaggini burocratiche necessarie al suo ottenimento.

Ambiente e salute pubblica

Tutelare il diritto alla salute pubblica dovrebbe essere un obiettivo prioritario per ogni amministrazione. Scelta Popolare propone l’avvio di un piano di monitoraggio, regolare, su base annua, per valutare la qualità del suolo, delle acque e dell’aria del territorio comunale, attraverso una stretta collaborazione con le Associazioni ed i Professionisti, in relazione costante con ASL, Università, CNR e ARPA. Un Osservatorio
della Salute Pubblica in grado di fornire informazioni ed indicazioni ai cittadini. Inoltre,
pieno sostegno sarà garantito all’esecuzione del Progetto GENEO, un piano di ricerca sulle cause ambientali dei tumori, promosso dalla LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori). Il sostegno attivo a questa associazione si manifesterà anche attraverso l’individuazione di una sede stabile nel nostro paese.

Floricoltura e prodotti tipici

La scarsa redditività è una delle cause che nel tempo ha portato all’abbandono dell’agricoltura. Abbiamo la fortuna di vivere in un paese in cui molti giovani hanno deciso di proseguire l’attività agricola. Intendiamo pertanto sostenerli creando modalità di attribuzione, promozione, tutela ed adesione a marchi d’area, con la funzione di garantire l’origine del prodotto e la sua tipicità. Inoltre, considerato che l’attuale gestione del mercato dei fiori non fornisce un reale contributo al sistema economico, è necessario individuare un modello alternativo di gestione partendo dalle reali esigenze dei produttori e del mercato nel suo complesso.

l’educazione alla lettura

Un libro non ti salva la vita, ma può segnarla profondamente. Tanti anni fa un amico caro mi regalò Breviario Mediterraneo di Pedrag Matvejevic. Una narrazione “trasversale” del Mediterraneo. Una linea retta come l’orizzonte del mare. L’olivo che ne definisce il perimetro, le culture che si mescolano, le genti e le lingue che si incontrano. La luce e l’azzurro che unisce ed esalta i frammenti colorati di sangue e di terra. Il Breviario l’ho avuto accanto. Sottolineato, consumato. Ne ho “rubato” dei frammenti che sono diventati quadri e musica. Con CANTOdaSUD sono diventati uno spettacolo musicale. Matvejevic lo incontrai a Leverano, in piazza Roma, nell’estate del 2006. Uno dei più grandi conoscitori del Mediterraneo, tra i più prestigiosi saggisti della letteratura balcanica, davanti ad un pubblico distratto dal caldo e dalla birra ghiacciata. “Le automobili stanno soffocando le piazze del Mediterraneo che da luoghi straordinari di socialità sono tristemente diventate miseri parcheggi. Guardate questa piazza, questa torre medievale, il campanile con l’orologio meccanico. Sono pezzi della vostra memoria che non potete cancellare. Questa piazza è il vostro cuore”. Un libro non ci salverà la vita ma può generare pensieri nuovi. Due giorni fa Matvejevic è morto. Il suo Breviario Mediterraneo vive. Un libro non ci salverà la vita ma può rendere immortali.

Marcello Rolli

La progettazione del verde urbano

Per noi di Scelta Popolare la creazione di verde urbano di qualità costituisce un impegno prioritario. La realizzazione di aree verdi prive di qualsiasi valore estetico e funzionale è destinata ad essere abbandonata. È quindi necessario attivare un percorso di partecipazione che preveda il coinvolgimento dei cittadini, tanto nella progettazione delle aree come nella loro successiva gestione.